Università dei Sapori alla nuova mostra al MANU con Archeofood e assaggi dell’epoca babilonese

Ci sarà anche Università dei Sapori a dare il suo contributo alla mostra “La vita all’origine dell’Urbanizzazione”, che sarà inaugurata oggi venerdì 9 Ottobre 2020 al MANU di Perugia.
 
La mostra, in sinergia con diversi soggetti istituzionali fra cui il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, l’Università degli Studi di Perugia, con il patrocinio Unesco, dell’Ambasciata d’Italia ad Amman e di Università dei Sapori, ha l’obiettivo di divulgare i risultati ottenuti negli ultimi sette anni di scavi dalla missione archeologica italo-spagnola a Jebel al-Mutawwaq iniziata nel 2012, diretta da Andrea Polcaro del Dipartimento di Lettere dell’Università degli Studi di Perugia e da Juan Muniz della Facultad San Esteban di Salamanca.
 
Curata dallo stesso Andrea Polcaro e Alessandra Caselli, in collaborazione con Direzione regionale Musei dell’Umbria-Museo Archeologico Nazionale dell’Umbria (Maria Angela Turchetti, Silvia Casciarri, Silvia Bonamore), l’esposizione presenterà con repliche in 3D reperti oltre a plastici in scala con la riproduzione di aree di scavo. Scavi che hanno fornito dati preziosi per la ricostruzione delle dinamiche socio-economiche e delle pratiche religiose della fine del IV millennio a.C. nell’area del Mediterraneo orientale.
 
Università dei Sapori, da anni impegnata nel recupero e valorizzazione di piatti storici sin dalla sua partecipazione al Corso di laurea in Economia e Cultura dell’Alimentazione della Facoltà di Agraria Perugiapoi con la sua importante partnership con Archeofood - il senso del gusto per la storia, sarà presente al termine dell’inaugurazione con percorsi sensoriali di degustazione di ricette del “Vicino Oriente antico”, curati dal docente e Chef Marino Marini, coadiuvato dal Prof. Paolo Braconi dell’Università degli Studi di Perugia, da anni impegnati insieme nel campo della gastronomia storica.