Ingredienti per il Futuro: chiuso con successo il progetto gratuito

Cerimonia conclusiva in grande stile ieri sera all’Università dei Sapori per il progetto “Ingredienti per il futuro” ideato e promosso dal centro Nazionale di Formazione e Cultura dell'Alimentazione umbro, finanziato dalla Provincia di Perugia e dal Fondo Sociale Europeo nell’ambito del P.O.R Umbria 2007-2013 Obiettivo “Competitività regionale e occupazione ” ASSE 4 “CAPITALE UMANO”.

Oltre 2mila gli iscritti, più di 30 docenti e 20 tutor coinvolti e 260 le persone formate di età compresa tra i 25 e i 64 anni, residenti nella Provincia di Perugia, che ieri presso la sede dell’Università dei Sapori hanno partecipato all’evento di consegna degli attestati del progetto sviluppato in molteplici iniziative formative completamente gratuite, realizzate tutte presso la sede dell’Università dei Sapori.

Diciannove le attività realizzate nel solo comprensorio di Perugia, tra cui: Ideazione e sviluppo di concept ristorativi, Comunicare ed accogliere il turista valorizzando le risorse locali, La cucina del territorio (2 edizioni), Enologia e sommelierie, Pizzeria e panificazione (3 edizioni), Pasticceria artigianale (3 edizioni), Cucina e salute (2 edizioni), Cucina e salute nell’arte bianca, Laboratorio di e-business 2.0 per il turismo, Aperitivi e appetizer.

Strategici gli obiettivi progettuali che mirano a favorire l’inclusione lavorativa dei cittadini più deboli ed in particolare di quelli in cerca di occupazione ed over 40. I percorsi proposti dal progetto hanno perciò coinvolto cittadini adulti ed in particolare quanti più a rischio di esclusione dal mercato del lavoro.

Ingredienti per il Futuro” è stato elaborato sulla base di un’attenta analisi del tessuto economico e sociale del territorio regionale con l’obiettivo di indirizzare i percorsi formativi proposti verso fabbisogni specifici e concreti dei comprensori coinvolti, oltre al Perugino, anche Trasimeno, Spoletino, Alto Chiascio.

L’offerta formativa globale è stata caratterizzata da 74 percorsi di breve durata, per 1110 destinatari ed ha visto il coinvolgimento di 38 partner che hanno aderito alla rete tra Comuni ed Associazioni.

Il focus formativo è stato incentrato sia sui percorsi più tradizionali volti alla valorizzazione delle produzioni tipiche, sia alle nuove esigenze di mercato, con attività riguardanti l’e-business o il destination management.